Crea sito

Simbologie e bandiere della sessualità – seconda parte

Simbologie e bandiere della sessualità

Eccoci ritrovati con la seconda parte del nostro viaggio attraverso quelli che sono i vessilli della grande comunità LGBT. Oggi tratteremo il mondo transessuale e transgender e le loro bandiera attraverso la storia.

 

 

Bandiera dell’orgoglio transessuale e transgender

 

 

Ci sono parecchie bandiere usate ed approvate dalla comunità transessuale e transgender: esse variano a seconda degli individui, delle organizzazioni e delle varie comunità.

 

  1. Bandiera dell’orgoglio transgender

 

 

Questa è, senza dubbio, la più importante delle bandiere trans e simboleggia l’orgoglio transgender, la diversità e i diritti della comunità stessa.

È stata creata da una donna trans americana, Monica Helmes, nel 1999 ma ha fatto la sua prima apparizione al pride di Phoenix in Arizona, Stati Uniti negli anni 2000.

Essa consiste in cinque bande orizzontali: due azzurre, due rosa e una bianca al centro.

Le due bande alle estremità sono azzurre, colore tradizionalmente associato ai maschi; le due strisce successive sono invece rosa, tinta solitamente associate alle femmine e, nel mezzo, una banda di colore bianco per tutte le persone “nobinary” (non binarie in italiano) ovvero per coloro che stanno transitando, per quelli che sentono di avere un genere neutro o nessun genere (non si riconoscono nel binarismo maschio-femmina) e per coloro che sono intersessuali.

Alla bandiera, forte simbolo della comunità trans, è stato reso omaggio più volte nel corso degli anni e in diverse città, come Brighton e Londra, in occasione delle giornate della memoria delle persone transgnder.

Essa trovo spazio anche al Castro di San Francisco, dove sventola accanto alla bandiera rainbow dal 19 novembre del 2012 (giorno della memoria delle persone transgender).

Il 19 agosto del 2014 la Helmes ha donato la bandiera originale da lei ideata al museo nazionale della storia americana dello Smithsonian.

 

 

 

  1. Bandiera dell’orgoglio dei trans di colore

 

 

Questa bandiera rappresenta una variante di quella originale ed è stata creata da Raquel Willis, un’attivista e scrittrice trans.

Essa possiede la banda centrale nera che rappresenta tutta la comunità transgender di colore.

Willis decise di creare questa bandiera per rappresentare l’alto livello di discriminazione e violenza nei confronti della comunità stessa.

Diventata famosa grazie alla sua condivisione su facebook, è stata poi utilizzata la prima volta il 25 agosto del 2015 da un gruppo di attivisti transgender di colore, che marciavano in occasione del “Black Lives Matter”, per commemorare la memoria delle vittime trans che si erano accumulate nel corso degli anni.

 

 

  1. Bandiera dell’orgoglio trans

 

In Ontario (Canada), viene usata la cosiddetta “bandiera dell’orgoglio trans”, creata da Michelle Lindsay. Essa consiste in due bande: quella superiore color magenta che rappresenta il femminile, quella inferiore di colore blu che indica il maschile. Le due bande colorate si uniscono al centro della bandiera stessa, il quale simboleggia gli orizzonti illimitati della comunità transessuale nel mondo.

Troviamo disegnato il simbolo della comunità transessuale (“⚧”).

La bandiera venne usata la prima volta dalla comunità dei trans di Ottawa nel 2010.

 

 

  1. Bandiera israeliana dell’orgoglio transgender e genderqueer

 

Questa bandiera è usata in Israele dalla comunità transgender e genderqueer: lo sfondo, di colore verde brillante, ha un grande impatto visivo per una distinzione molto marcata; al centro troviamo poi, il simbolo rappresentante le persone trans.

 

  1. Bandiera israeliana dell’orgoglio trans

 

Avente gli stessi colori e lo stesso significato di quella più conosciuta, questa versione israeliana della bandiera transgender si differenzia solo per la presenza della “stella di David”, che rappresenta la civiltà e la religiosità ebraica.

 

 

  1. Bandiera Transgender di Dawn Holland

 

 

Nell’ottobre del 1991, la Transgender Nation (un gruppo di riferimento queer-transgender), creò una bandiera transgender che consisteva in uno sfondo bianco al centro del quale era raffigurato un triangolo rosa con il vertice rivolto verso il basso, all’interno del quale è disegnato, in nero, un grande ed unico simbolo transgender creato da Dawn Holland.

 

 

  1. Bandiera Transgender/transessuale di Johnathan Andrew

 

Nel 1999, il transessuale di San Francisco Johnathan Andrew, attraverso il soprannome di “Capitan John” che era solito usare sul suo sito web trans femminile “Adventures in Boyland” (letteralmente “avventure nella terra dei ragazzi”), ha progettato e pubblicato una bandiera per tutti coloro che nella comunità LGBT si identificano come trans.

La bandiera dell’orgoglio trans di Andrew è composta da sette strisce alternate di colore rosa chiaro e azzurro, separate da sottili strisce bianche e presenta, nella parte superiore sinistra, il simbolo di Venere e Marte colore lavanda (“⚥”), stante ad indicare i due sessi: la croce il femminile e la freccia il maschile. Inoltre esso può anche significare il passaggio FtM, MtF o persone intersessuali.

Il significato dei colori della bandiera è lo stesso di quella di Monica Helms, molto simile anche come design.

La descrizione originale della bandiera data da Andrew diceva che la comunità trans sentiva il bisogno di possedere un proprio vessillo, differente dalla bandiera arcobaleno, che incarnasse tutti gli aspetti della comunità stessa:

“Sia che si tratti di transgender o transessuali, passando dal maschio (blu) alla femmina (rosa) e viceversa, o semplicemente trovandoci da qualche parte nel mezzo, il disegno della bandiera cattura la sottigliezza e la forza dei nostri spiriti; gli accenti bianchi tra le linee sono i piccoli trionfi che raggiungiamo su di noi durante il nostro viaggio per diventare interi (inteso come la bandiera nel suo complesso)”.

 

  1. Bandiera transgender/transessuale di Jennifer Pellinen

 

Nel 2002, Jennifer Pellinen ha creato una nuova versione della bandiera trans, composta da 5 bande di diversi colori sfumati tra loro: con blu e rosa agli estremi superiori ed inferiori che rappresentano il maschile e il femminile, al centro, tre strisce ( viola chiaro, viola e viola scuro) che rappresentano la diversità all’interno della comunità trans, nonché il percorso di transizione MtF o viceversa FtM.

 

  1. Trans* Flag

Nel 2012, i Trans* di Spokane (città dello stato di Washington) crearono la loro propria versione della bandiera transgender e la chiamarono “Trans* Flag”.

Le due linee alle estremità rappresentano il maschile e le due rosa il femminile, il viola indica le persone non binarie e quelle genderqueer, mentre la sottile linea bianca nel mezzo rappresenta tutte quelle persone che stanno transizionando da un sesso all’altro.

 

 

  1. Bandiera caleidoscopica Trans

 

Nel 2014, viene creata dai membri dell’Alleanza trans di Toronto una nuova bandiera transgender nota come “Trans Kaleidoscope” (letteralmente bandiera caleidoscopica trans).

Si tratta di una bandiera molto vivace, dove le diverse gradazioni dei colori rappresentano l’intervallo delle diverse identità di genere. Esse sono raggruppate in uno spettro con i singoli colori che le rappresentano:

  • rosa: donne / femminilità
  • viola: coloro che sentono la loro identità di genere come una combinazione di maschio e femmina
  • verde: coloro che sentono la loro identità di genere come né maschile né femminile
  • blu: uomini / mascolinità
  • il cerchio giallo rappresenta le persone intersex.

 

Il nuovo simbolo bianco con bordo nero è un’estensione del simbolo Trans: abbiamo i simboli del maschile e femminile, un simbolo combinato che rappresenta le persone con un’identità di genere che combina maschio e femmina e una linea semplice (senza freccia né barra) che rappresentano coloro che possiedono un’identità di genere né maschile né femminile.

Essa pertanto simboleggia consapevolezza senza escludere nessuno.

 

  • Bandiera della Disforia trans

 

La bandiera della disforia trans rappresentare una controversa comunità, attiva soprattutto online, di individui transgender.

Essa presenta tre strisce orizzontali: rosa caldo (per la femminilità e per i transgender transizionati da maschio a femmina), nero (per il potere), blu (per la mascolinità e per i transgender transizionati da femmina a maschio). Al centro abbiamo un cerchio bianco che rappresenta l’unità all’interno della comunità.

 

Continua…

 

-Kla Canepari

*Sostienici ai Macchianera Awards, votaci nella categoria 28 come “miglior sito LGBT” è importante votare almeno dieci categorie per far in modo che il voto venga preso in considerazione, clicca qui per votare *

You may also like...